BestOnDesk
Image default
Motivazione

Ecco perché devi fallire ancora una volta

“Supremo è il valore della tenacia: chi fa della costanza la sua parola d’ordine, taglierà via tutti i traguardi”
Napoleon Hill

Charles Goodyear

Charles Goodyear nasce a New Haven, nello stato del Connecticut (USA) il 29 dicembre 1800.

Mr.Goodyear passò praticamente tutta la vita ad eseguire migliaia e migliaia di esperimenti convinto che la gomma potesse essere utile all’uomo in molteplici casi tra i quali il trasporto.

La moglie Clarissa, esausta passò anni ed anni nel tentativo di convincere il marito ad occuparsi della famiglia con qualsiasi altra attività che gli permettesse di guadagnare almeno qualche dollaro.

Ma come sappiamo, Charles Goodyear non smise di continuare a credere nella sua intuizione.

Un fallimento dietro l’altro lo condussero sull’orlo del baratro, solo e senza denaro, ma dopo mille e più tentativi andati male, ecco finalmente l’unico che gli aprì le porte all’immortalità.

Il suo nome, a distanza di quasi 2 secoli e ancora a lungo, sarà sinonimo di perseveranza e soprattutto di un oggetto estremamente importante per tutti noi. Le gomme che ci permettono di viaggiare, trasportare merci e muoverci liberamente con i nostri mezzi di trasporto grazie alla tenacia di un uomo diventato mito.



Chris Gardner

Se il nome Chris Gardner ti dice qualcosa ti ricorderai di aver visto il film  “La ricerca della felicità” di Gabriele Muccino con Will Smith,

Ebbene Chris è stato pura ispirazione per tutti coloro che negli ultimi anni non hanno mollato di fronte alle avversità della vita e seppur non tutti potranno raggiungere il successo di Chris Garner, la sua crisi personale, la povertà con un figlio a carico e tanti fallimenti di fronte ai quali però non ha mai gettato la spugna, sono l’esempio di quanto spesso la vita ti metta a dura prova e ti nasconda il successo fin quando il tuo coraggio supera la paura di non essere all’altezza o di non farcela.



J.K. Rowling

Harry Potter, ti fa tornare alla mente qualcosa?

J. K. Rowling, autrice della famosissima saga, ex cassiera in un supermarket con la passione per la scrittura e tanta fantasia, è passata attraverso varie crisi e centinaia di piccoli e grandi fallimenti, una su tutte quella dopo la morte della madre, causata dalla sclerosi multipla e uno stato depressivo.

Prima di giungere al successo ha fallito diverse volte essendo stata rifiutata da svariati editori ma senza mai decidere di smettere di tentare.

Oggi la Rowling ha un patrimonio netto di circa 1 miliardo di dollari grazie a quella volta in più in cui invece di rassegnarsi ha preferito inviare ancora una volta il manoscritto in cui credeva.

Potremmo proseguire per ore ed ore, citando Edison, Tesla, Lincoln, Stallone, e così via in un a lista senza fine di geni del passato e del presente che anche se con diverse caratteristiche e qualità, hanno in comune sempre l’unico fattore determinante per il successo: La costanza.

“Costanza è la virtù con la quale tutte le cose danno il loro frutto”
Arturo Graf

Ecco il libro che devi leggere per conoscere altre storie di successo grazie alla costanza:

Storie di successo
  • Hill, Napoleon (Author)


Devi sapere che:

Tutti hanno un talento per avere successo, ma pochi hanno la capacità di rialzarsi dopo un fallimento e per questo restano in pochi coloro che raggiungono gli obiettivi in cui credono.

Un’intuizione, una passione, una grande idea o più semplicemente il desiderio di seguire i tuoi sogni, sono ciò che più di ogni altra cosa rende la nostra vita degna di essere vissuta per non ritrovarci un giorno, lontano nel tempo, a ripensare piangendo alle occasioni perdute che non si presenteranno più.

Ripenserai e a quella volta in cui hai deciso di non riprovarci e ti domanderai solo una cosa: Perché.

E allora, appare evidente che ogni fallimento è una tappa indispensabile verso il tuo successo personale, qualsiasi sia il tuo sogno, e che una caduta non può altro che essere l’opportunità di comprendere quale errore tu abbia commesso per evitarlo prima di compiere il balzo successivo.

Come fare per non perdere il coraggio:

Noi siamo individui che inevitabilmente ci rapportiamo agli altri. Vediamo negli altri degli esempi da seguire o delle persone da invidiare a seconda di come ci approcciamo agli eventi.

Ebbene, perdere il coraggio o per meglio dire scoraggiarsi, è una questione di prospettiva da cui si decide di osservare chi ci sta attorno, vicini o lontani che siano.

Esempi di vita esattamente come quelli di cui abbiamo parlato, sono pura ispirazione per chi preferisce avere fiducia in se stesso e nella vita rispetto a chi invece è servo del pregiudizio e preferisce appicciare luoghi comune piuttosto che rimboccarsi le mani e seguire la via di chi ha realizzato i propri sogni.

Non giudicare senza conoscere.

Non invidiare chi ha di più o si trova in una condizione che vorresti per te.

Bensì sforzati, con umiltà e perseveranza a comprendere come quelle persone siano riuscite nei loro intenti e quale sia la strada più giusta per te per intraprendere un percorso simile. Una strada soltanto tua, durante la quale cadrai tante volte ma in cui ti sarà chiaro che fallire ancora una volta significa essere sempre più vicino all’unico tentativo che andrà a segno e che ti cambierà l’esistenza.



Eccoti un altro libro che non puoi perderti:

Leggi anche: