BestOnDesk
Image default
Motivazione Rapporti con colleghi

Ritorno in ufficio dopo la quarantena. Ecco cosa cambierà

“I legami che ci vincolano a volte sono impossibili da spiegare. Ci uniscono anche quando sembra che si debbano spezzare. Certi legami sfidano le distanze, il tempo e la logica perchè sono legami che sono semplicemente destinati ad esistere.”
Cit.

Nessuno di noi avrebbe mai immaginato che nell’arco di una vita intera si sarebbe presentato un momento come quello che stiamo vivendo.

Momento in cui tutte le più consolidate realtà che facevano parte della nostra vita, come una stretta di mano, un abbraccio, una pizza con gli amici e tante altre, sono diventate eccezioni  o meglio ancora divieti a cui sottostare per un fine più grande: la salute di tutti.

Così che con grande coraggio, sacrificio, spirito di iniziativa e voglia di andare avanti, ognuno per la sua parte si è rimboccato le maniche cercando di fare del suo meglio per continuare a contribuire a mantenere vivo un sistema diverso, unico nel suo genere ma che segna nettamente un confine dal prima e il dopo.

Un prima che probabilmente non esisterà più e sarà presto ricordato come storia; classificato con quel genere di frasi che iniziano con il classico “ti ricordi quando“.

E un dopo a cui dovremmo lentamente abituarci cercando ogni giorno di trasformarlo in un futuro migliore, più accorto alle esigenze di ognuno di noi grazie ad una rinnovata consapevolezza su quanto fragili siano la nostra esistenza e le nostre certezze.

E allora, la domanda che in molti si fanno in questi giorni è: cosa cambierà dopo? Come sarà tornare al lavoro e a ripopolare gli uffici, i negozi, gli store, le fabbriche e ogni luogo in cui l’attività si è bruscamente interrotta?



Certamente la risposta non è facile e tanto meno è possibile prevedere con certezza lo scenario economico e sociale con cui dovremmo fare necessariamente i conti tra qualche mese o l’anno venturo.

Ma una cosa è certa, ed è il punto di partenza solido a cui tutti possiamo e dobbiamo aggrapparci per affrontare il futuro che ci attende; la sola cosa su cui abbiamo il controllo e che possiamo fin da ora indicare come il primo grande cambiamento non imposto ma voluto.

L’importanza delle relazioni e dei rapporti con gli altri.

Se penso per un istante al nervoso, ai litigi, ai silenzi, e a tutti i giorni buttati nel cestino per futili motivi, appare chiaro quanto ora tutte quelle cose sarebbero insignificanti e del tutto accettabili pur di avere la libertà e soprattutto la certezza di non avere di fronte a noi potenziali untori o presunti malati, ma soltanto amici, familiari, e nel nostro caso colleghi.

Colleghi diversi con altrettante diverse qualità, ma prima ancora persone in carne ed ossa con cui confrontarci, dialogare, vivere momenti spensierati e collaborare in modo propositivo per costruire qualcosa di utile per altre persone, una volta chiamate clienti.



Allora se ti stai domandando cosa cambierà al tuo rientro, non sprecare altro tempo immaginando scenari o ipotizzando situazioni che probabilmente non saranno quelle reali, e piuttosto chiedi a te stesso cosa potrai cambiare tu, nel tuo modo di essere, di porti e di accettare la presenza di chi condividerà con te un pezzo di un percorso tutto nuovo che ti aspetta dopo la quarantena.

In questo modo, ti apparirà chiaro che la cosa che puoi cambiare già da questo momento, è l’importanza che darai ai rapporti e alle relazioni a qualsiasi livello e di conseguenza il tempo dedicato a tale scopo.

Riscoprire l’importanza dello stare insieme, del condividere, e del dare il giusto  valore ad ogni persona e ad ogni situazione è il cambiamento che puoi scegliere di attuare già da adesso, prima ancora di rientrare in ufficio e accorgerti che non ci sono più le sicurezze di un tempo passato, ma che adesso ogni minuto è talmente importante da poter fare la differenza e rendere un giornata unica, come lo è sempra stata senza che ci accorgessimo della sua unicità.

Un nuovo inizio, un nuovo modo di pensare e soprattutto un nuovo modo di considerare i nostri rapporti è a tutti gli effetti il cambiamento più grande che ci attende, quello a cui è fondamentale rispondere: presente! 

Con lo spirito di chi ha compreso che tutto può scomparire da un momento all’altro nel tempo di uno starnuto e che il mondo non è poi così grande da permetterci di credere che i nostri errori e la nostra superficialità, in qualche modo non tornino indietro a farci visita come un boomerang che anche se scagliato lontano con forza, presto o tardi ritorna sempre al punto di partenza.

Buon rientro in ufficio dopo la quarantena da tutto il team di BestOnDesk, e se anche tu hai deciso di vedere nel momento della ripresa un nuovo rinascimento, sappi che non sei il solo a pensarla così. Fai di BestOnDesk il tuo collega di lavoro, l’amico fidato che è sempre qui pronto a darti validi consigli e tanta positività. 

Leggi anche: